Riportiamo gli auguri dell' allenatore dell' ASD Modugno Volley, Mister Davide Signorile; ricordiamo che in questa stagione la squadra è composta esclusivamente da atleti modugnesi…

 

 

"Volere è potere.
 
Scrivo queste righe a conclusione dell’ anno ed a metà della stagione agonistica 2012/2013 per esprimere le sensazioni che da un po mi accompagnano e che fino ad ora ho tenuto per me.
Quando ad inizio stagione si è paventata l’opportunità di fare una squadra con i ragazzi di Modugno, ho pensato che potesse essere una gran bella idea  richiamare i nostri giovani per dare un senso a tutta l’attività di questa gloriosa Società che da anni ormai si prodiga nel tentativo di creare un movimento ben connotato territorialmente e sportivamente nella speranza di sviluppare un polo pallavolistico importante sul territorio barese.
 
Oggi quell’auspicio è ormai realtà e mi ritrovo quasi per incanto a guidare una prima squadra punta dell’iceberg  Modugno composta da tutti ragazzi di Modugno, del Modugno e che a Modugno vivono le loro vite! Sembrerebbe poca cosa ad un occhio inesperto ma io sfido chiunque a trovare qualche altra società che ha in questo momento queste stesse caratteristiche.  Chi come me fa questo lavoro, sa bene che una cosa del  genere non si improvvisa e sa che questo è il frutto di anni di abnegazione e di duro lavoro che oggi porta questo splendido e succulento frutto.
 
Io  sono fortunatamente  il Mister di questa squadra e vivo ogni giorno con l’emozione di un bimbo che si ritrova per Natale il più bel dono sotto l’albero che si possa desiderare. Voglio ringraziare i ragazzi per l’immagine di loro che mangiano insieme ogni santo giorno dopo l’allenamento e che mi accompagna a casa dalla mia famiglia con un sorriso sulle labbra. Voglio ringraziare i singoli che hanno sposato l’idea di creare questa corazzata in famiglia e che soprattutto credono in me. Vederli modificare giorno dopo giorno nella assoluta cecità della fiducia in me è forse il miglior premio che un allenatore possa ricevere dai suoi atleti. Vederli chiedere, comunicare, confrontarsi, dialogare per un obiettivo comune è il miglior passo avanti che potessi sperare per loro. Io sono emozionato mentre scrivo e sono commosso per il fatto che stagioni come questa sono rare, preziose e irripetibili aimè! Ringrazio la Società per la opportunità che mi da di poter esprimere le mie idee scevro da ogni lucchetto o vincolo.
 
Faccio i complimenti al Capitano che ormai, unica nota stonata di questa realtà ha sposato l’idea  in pieno e che ormai come me si sente parte in causa! Ringrazio chi in modo silente, rinuncia a se stesso, suda, scalpita li nell’angolo in nome di una cosa comune e più grande. Ringrazio Massimo in modo affettuoso per il contributo quotidiano che da al nostro benessere e alla nostra serenità. Ringrazio gli sponsor che  ci affiancano  per la fiducia in noi.  Insomma, ringrazio tutti quelli che direttamente o indirettamente partecipano alla nostra vita e alle nostre sfide sperando di poterli ripagare con qualche emozione sul campo. Si sul campo; perché è proprio quello l’unico posto che abbiamo per esprimere il nostro grazie ed è proprio li che stiamo riuscendo ad ottenere quel rispetto che solo il duro lavoro e le menti pronte al sacrificio riescono a meritare. Vedervi ieri contro il Palo è stato uno spettacolo Ragazzi! Perdere per dei dettagli, significa avere la certezza che ci siamo.
 
Per me è rassicurante sapere che devo ormai lavorare sul “palleggio” anziché sul sistema! Sulla” battuta” anziché sull’atteggiamento! Perdere per una battuta fuori o un palleggio non perfetto da l’idea del punto a cui siamo!! L’amaro in bocca oggi serve a ricordarci in futuro che quella battuta o quel palleggio avrebbero fatto e faranno la differenza! Anche questo serve!
 
Ma non finisce qui perché come detto la prima squadra è solo la punta dell’isberg. C’è poi la under 17 che ogni anno fa meglio. Ragazzi sprovveduti, 3 anni fa sono oggi temibili avversari e i risultati in crescita lo dimostrano. Bravi a tutti quelli che, imparando l’arte di essere atleti, conciliando la vita fuori e dentro le mura del palazzetto, sono sempre presenti. Io con loro sono duro, grido, li rimprovero ma con loro scherzo, vivo e godo dei loro abbracci e dei loro sorrisi. Che dire poi dell’under 15 squadra fantasma composta per metà  dallu17 e per metà dall’u13 che, ancora una volta prima del girone, si appresta alle semifinali provinciali per la seconda volta? Lodi, lodi, lodi!!!!
 
Chiudo l’escursus sulla maschile con la mia adorata under12 e 13 composta da bimbi terribili che già hanno il rispetto dei pari età e dei più grandi; bravi bimbi miei, siate pronti ai campionati che da gennaio iniziano perché adesso è il vostro turno!!
Si ho parlato della maschile perché da quest’anno ho deciso di rituffarmi anche nella femminile curando un gruppo di bimbe che in 2 mesi già dimostrano di essere li, in grado di competere!! Ah le donne che bella invenzione!!!! Che dire, spero di non avere tralasciato il ringraziamento a nessun anello di questa catena che imprescindibile muove questo macchinario perfetto che siamo Noi Oggi!!
Buon Natale"…e la redazione aggiunge felice 2013.
 
Davide Signorile
 
da www.modugnovolley.it