È la squadra più forte d'Italia. È la compagine più temuta da tutte. È la Vecchia Signora, che proverà nuovamente a trionfare in campionato dopo aver conquistato otto Scudetti consecutivi e aver fatto la storia, sempre alla ricerca dell'agognato Triplete…

 

 
 
È la squadra più forte d'Italia. È la compagine più temuta da tutte. È la Vecchia Signora, che proverà nuovamente a trionfare in campionato dopo aver conquistato otto Scudetti consecutivi e aver fatto la storia. Dopo il passaggio da Massimiliano Allegri a Maurizio Sarri, la squadra bianconera cerca adesso non soltanto la vittoria con cinismo ma anche quel bel gioco mai trovato con l'allenatore livornese. In effetti, non si può dire che in questi primi scorci di campionato non si sia visto un cambiamento del gioco da parte dei bianconeri, i quali si sono imposti sulla fortissima Inter a San Siro dopo un match nel quale hanno dimostrato di star giocando un calcio molto più virtuoso e propositivo di quanto mostrato fino a poco fa. Con un Miralem Pjanic in stato di grazia come regista assoluto, Sarri sembra aver trovato un generatore di gioco perfetto per far girare al meglio la Juve. Del resto, quando ha sciorinato un gran calcio, l'ex tecnico di Napoli e Chelsea ha sempre puntato su un regista puro come Jorginho, e il bosniaco sembra ormai essersi calato totalmente nella parte.
 
Per adesso, dunque, la Juventus punta già al sorpasso sull'Inter in classifica e mette già la freccia per allungare e creare subito un gap importante. Dopo aver già vinto due scontri diretti decisivi, prima contro il Napoli in casa e poi in trasferta contro i nerazzurri, la truppa di Sarri proverà a racimolare quanti più punti possibili nei prossimi mesi senza però dimenticarsi degli impegni in Champions League. Le principali quote delle scommesse online, infatti, vedono i bianconeri come una delle principali candidate alla vittoria di questo torneo, un obiettivo ormai diventato un'ossessione per i tifosi e la dirigenza della Juventus, la quale non trionfa in Europa ormai dal lontano 1996, quando vinse la sua seconda Coppa dei campioni ai rigori a Roma contro l'Ajax. Troppo tempo è passato da quel momento di gloria, e lo sanno bene nella Torino bianconera. Adesso, dunque, l'obiettivo della dirigenza che ha ingaggiato Sarri è chiaro: è quel triplete tanto agognato che potrebbe concretizzarsi finalmente quest'anno. Nonostante quest'anno la concorrenza in Italia sia di quelle serie, con l'Inter aggiuntasi al Napoli nella lotta Scudetto, è chiaro che la Juventus voglia vincere tutto, come ogni anno. Sarri, dal canto suo, spera di poter recuperare quanto prima la maggior parte dei calciatori infortunatisi nelle settimane scorse, nonostante dovrà aspettare almeno fino a marzo per poter contare sul capitano, quel Giorgio Chiellini infortunatosi gravemente al ginocchio ad agosto ma che continua ad essere l'anima della squadra anche dalla tribuna.
 
Per il momento, tuttavia, il calendario di Serie A e quello di Champions permettono ai bianconeri di poter mettere a punto un programma di preparazione psicologica e fisica adatto a trovare un filotto di vittorie in grado di dare l'impulso giusto alla stagione, sia in Italia sia in Europa. Con Cristiano Ronaldo come grande protagonista e un gioco sempre più armonioso e divertente, l'obiettivo del triplete è sempre più possibile.